Intervista

Dibattito austerity e spesa pubblica: tante promesse ma poca coerenza

pubblicato sulla rivista on line Financial Community Hub

 

«Leviamoci dalla testa che ci siano scorciatoie: il debito va ridotto». Ma come si fa? Le vecchie ricette non sono così salde, e il fatto che nessuno avesse previsto la crisi e la sua gravità ha messo in difficoltà anche gli economisti. «È vero. Tutti i modelli macroeconomici avevano marginalizzato il settore finanziario che è stato origine della crisi, si considerava che quel settore, rispetto alla moneta e all’economia reale fosse secondario. Quando poi la crisi finanziaria si è trasformata in crisi economica e sociale, è stata spazzata via la fede nella capacità di autoregolazione dell’economia, e la riflessione è ripartita da zero con l’obiettivo di disegnare le soluzioni possibili e in quali condizioni si possono attuare. Ma non scordiamoci che poi è il policy maker che deve scegliere. Tra i tanti trade-off tra costi e benefici, spetta ad altri, non agli economisti, scegliere».

 

Leggi l’intero articolo: http://fchub.it/detail/news/tante-promesse-ma-poco-coerenza

 

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on TumblrPin on PinterestShare on Reddit